VALLISNERIA scheda tecnica e gestione (tutte le varietà)

VALLISNERIA scheda tecnica e gestione (tutte le varietà)

Nome: Vallisneria

Famiglia: Hydrocharitaceae

Vallisneria_spiralis_KUT_20110915Provenienza e habitat: È la varietà di pianta acquatica più diffusa, ma la sua antica origine è asiatica si è diffusa in tutto il mondo per la sua resistenza e facilità di adattamento.

Sono piante totalmente sommerse e sviluppano foglie nastriformi molto alte e resistenti quasi vetrificate. La varietà vallisneria è consigliata spesso ai neofiti poiche è molto semplice da gestire e può stare sia in acque più acide sia in acque più basiche, può crescere in acque più dure o meno dure, resiste anche ad acque che presentano una conducibilità altissima (microsiems alti anche a 1000). È caratterizzata da una crescita eccezionalmente veloce infatti bisogna posizionarla in terzo piano, infondo all’ acquario e bisogna accertarsi che la vasca abbia un altezza consona alla crescita di questa varietà, una volta che la foglia incontra il pelo dell acqua continua a crescere su di esso dando un senso di fluttuazione e movimento in acquario.

MVI_5140.MOV.Immagine008VALLISNERIA GIGANTEA: È la varietà di vallisneria più grande, in ambiente naturale riesce ad arrivare ad un altezza di 2 metri. La foglia ha uno spessore che può arrivare fino a 3/4 cm e spesso l’ estemità delle foglie sono caratterizzate da un colore scuro quasi marone scuro, questo non significa che le foglie non sono sane. È molto veloce e si devono scegliere vasche grandi. È anche la più resistente, può stare ad una temperature di 16° Celsius fino ad arrivare oltre i 30°.

MVI_5140.MOV.Immagine007VALLISNERIA SPIRALIS: Molto simile alla Gigantea per valori e manutenzione, cambia solo la morfologia della foglia che presenta un altezza più ridotta e uno spessore più stretto,circa 2cm. E’ caratterizzata da un colore verde più chiaro.

MVI_5140.MOV.Immagine006VALLISNERIA RUBRA: Molto simile alla Gigantea per valori e manutenzione, presenta una foglia più rigida, stessa grandezza della spiralis ma caratterizzata da un colore molto più tendete a tonalità rosso scuro, in presenza di molta luce il rosso appare più acceso e vicace.

MVI_5140.MOV.Immagine005VALLISNERIA NANA: Molto simile per esigenze alla altre vallisnerie, quindi molto resistente e veloce nella crescita. l’ origine geografica di questa varietà invece è l’ Australia. Presenta foglie molto strette, la differenza fondamentale alle altre vallsineria è lo spessore della foglia molto sottile quasi meno di un cm, e con una crescita più ridotta in altezza quasi 50 cm max. Va comunque posizionata in terzo piano.

MVI_5140.MOV.Immagine003VALLISNERIA TORTA: Stessa faciltà di gesione delle altre, è catterizzata da foglie sempre nastriformi ridotte di altezza cira 25 cm ma con la peculiarità di averle attoricigliate su se stesse, formando quasi una spirale.

b7ed797760df2a6f33697576ada71b17Riproduzione e moltiplicazione: Si riproduce in modo molto facile, grazie alla produzione di tantissimi stoloni, si può duplicare anche per inseminazione una volta che il fiore fuoriesce dall’ acqua.

Fertilizzante e substrato consigliato: Può stare anche in vasche con poca luce e senza co2, ha bisogno di molto substrato poichè la varietà è caratterizata da un notevole apparato radicale con innumerevoli stoloni, che in poco tempo diventeranno piante, consigliata una ricca fertilizzazione.

Prezzo al dettaglio per vasetto 6/7 euro.

Range temperatura ideale: 16° – 30° Celsius

Luce richiesta: media

Velocità crescita: Veloce

GH range: 7 – 30

PH range: 6 – 8

Difficoltà coltivazione: Facile