Elementi base e funzionamento dell’ acquario marino di barriera

Elementi base e funzionamento dell’ acquario marino di barriera

L’ acquario marino, apparentemente ed in parte simile all acquario dolce, ha in realtà funzionamenti e accessori che lo compongono molto diversi. Generalmente, a prima vista non c’ è differenza tra una vasca di acqua dolce e di acqua salata, apparte il tipo di allestimento, poiché tutti gli strumenti per il trattamento dell acqua vengono nascosti nel mobile sottostante, andiamo quindi a vedere elemento per elemento da cosa è composto l’ acquario marino.

2014_03_acquario_marino_mese_gianluca_favata_totm_240 copiaLa vasca: ti consiglio una vasca di vetro aperta, senza coperchio, sia per una più facile manutenzione, sia per una maggior areazione e ossigenazione. Inoltre ricordati che sarà meglio non avere tiranti nella parte superiore poiché si incrosteranno facilmente di sale e calcare. Per quanto riguarda il litraggio ricordati che più è alto e migliori saranno gli equilibri chimici.

ai_family_final1-e1441448780794-1080x596

Illuminazione: è fondamentale per la vita dei coralli e dei pesci all’ interno della vasca e generalmente è composta da vari tipi di lampada led, neon o hqi, posizionata dai 30 ai 70 cm dalla superficie dell’ acqua.

ImmagiSDFDSnePompe di movimento : sono installate all interno della vasca e servono per simulare le correnti presenti in natura, possono essere a 220 v oppure a 12 v ad impulsi, ovvero con funzionamento alternato.

 

Trattamento dell’ acqua: a differenza dell’ acquario dolce, l’ estrazione avviene per tracimazione, quindi a caduta l’ acqua tracima dal punto più alto della vasca e va a finire nella così detta SUMP, ovvero una ulteriore vasca di vetro, locata nel vano sottostante, composta da vari scompartimenti e dotata di tutti quegli accessori utili per il mantenimento dei valori e della pulizia dell’ acqua.

 

Accessori esterni: come la coltivazione delle zooxantelle e del fitoplancton.

All’ interno della vasca SUMP da noi creata a seconda delle esigenze, saranno presenti:

Scompartimento con acqua di osmosi; con eventuale galleggiante che segnalerà il rabbocco dell’ acqua evaporata.

Schiumatoio; accessorio fondamentale per l’ eliminazione delle proteine in eccesso, esso
emulsionerà l’ acqua che formando schiuma e quindi
bolle, separerà la parte da eliminare (proteine) da quella ancora buona (acqua), grazie all effetto della tensione superficiale della bolla che tenderà a portare il siducio verso l alto e a depositarlo in un adeguato scomparto.

Riscaldatori o Refrigeratori; serviranno per regolare la temperatura dell’ acqua, in estate e in inverno.

Filtri meccanici; composti semplicemente da spugne e lana di roccia o lana di perlon.

Filtri chimici; generalmente si usa mettere carboni attivi o pietre porose, ma il maggior lavoro di filtraggio chimico viene effettuato in vasca per mezzo delle rocce vive.

IMG_7733 copia


Infine è importante sapere che per controllare e
mantenere la triade Ca Mg e Kh, abbiamo
la scelta tra due sistemi: Metodo a reattore di calcio, per mezzo di uno strumento apposito che prende l’ acqua dalla sump e la reimmette dopo averla trattata, oppure Metodo Balling che consiste nell’ immettere direttamente le soluzioni Ca Mg e Kh in sump per mezzo di pompe dosometriche e appositi recipienti.

Infine, l acqua, dopo aver compiuto questo “tragitto” e dopo essere stata adeguatamente trattata, viene reimmessa dalla sump in acquario tramite una pompa di risalita.